Antonella Di Biase

“Ogni incontro che fai è un incontro con te stesso; pochi sembrano accorgersi che gli altri sono loro.” (Carl Gustav Jung)

Qualcosa di me

All’interno del trattamento GET mi occupo della facilitazione e conduzione di attività gruppali e dei percorsi individuali come tutor. Lavoro in équipe con professionisti dalle differenti competenze per il trattamento pazienti con gravi disturbi di personalità presso l’ospedale San Raffaele-Turro, e fin dal mio tirocinio post lauream ho contribuito a strutturare e implementare il metodo GET per la terapia a persone con Disturbi di Personalità gravi.

Grazie alla scuola di specializzazione della C.O.I.R.A.G. e all’interesse per il gruppo come strumento analitico, ho ampliato le conoscenze e mi sono messa alla prova in diversi contesti e attività. Sia attraverso le dinamiche di gruppo esperienziali affrontate nei primi due anni della scuola che durante l’annuale workshop intensivo/residenziale frequentato a Fiesole a cui abbiamo partecipato come gruppo classe; dove ho “toccato con mano” cosa significhi essere gruppo, come un gruppo si costituisca e come funzionino le dinamiche al suo interno. I due anni di osservazione partecipante di un gruppo di psicoterapia, inoltre, sono stati un’esperienza di enorme valore per la crescita professionale e personale.

L’interesse per i gruppi e per lo Psicodramma, mi ha portata a nutrire la mia inclinazione per tali tecniche, spingendomi a frequentare sessioni aperte e workshop di Psicodramma (Classico e Analitico), di Danza Movimento terapia e Social Dreaming. Per migliorare ulteriormente il mio approccio ho studiato Metodi Attivi e ho perfezionato la mia formazione come psicodrammatista attraverso un Master in “psicodramma e gruppoanalisi” (2017/2018) e corsi di formazione con Giulio Gasca, che continuo a seguire.

Oltre al lavoro nel trattamento GET, svolgo privatamente attività di consulenza, supporto psicologico e psicoterapia individuale e di gruppo.

Opero da diversi anni nell’ambito della formazione scolastica svolgendo attività di sostegno a minori con lievi e gravi difficoltà di apprendimento e sviluppando progetti sull’alfabetizzazione emotiva e sull’autonomia.