Cosa offriamo

La modularità del metodo e il suo peculiare approccio alla disregolazione (con tecniche cognitive, ma anche incentrato sul gruppo e sulla sua potenza terapeutica) sono adatte a diversi contesti istituzionali.

Il metodo GET si propone di raggiungere le molte realtà di aiuto e di cura del Disturbo Borderline di Personalità. Abbiamo attivato esperienze cliniche dirette e collaborazioni con comunità educative e terapeutiche, dove l’utenza adolescente o in prima età adulta non riesce ad essere adeguatamente intercettata dai percorsi sanitari soliti; e con altre istituzioni che grazie al nostro metodo hanno migliorato il loro approccio ai problemi portati da una utenza più complessa.

Ambiti di collaborazione

  • Contesti ambulatoriali
  • Comunità educative (integrazione clinico riabilitativa)
  • Comunità terapeutiche
  • Scuole (formazione specifica agli operatori scolastici)
  • Servizi territoriali (sostegno alla presa in carico integrata)
  • Reparti di degenza (percorsi di valutazione e ingaggio al trattamento)
  • Istituti di pena (progetti di empowerment)

Collaborazioni già attive

  • Ambulatorio AMU, Via Pergolesi 13 Milano
  • Comunità educativa Alda Merini a Castellanza (VA) – Cooperativa Il Sentiero (integrazione clinico riabilitativa)
  • Comunità terapeutica Frida Kahlo a Gerenzano (VA) – Cooperativa La Clessidra
  • Comunità terapeutica Villa Danilo a Diano Marina (IM) – Gruppo Redancia (formazione specifica agli operatori scolastici)
  • Casa di cura Santa Croce (Orselina, Svizzera) (sostegno alla presa in carico integrata)

Se siete interessati a maggiori informazioni su costi, le date dei prossimi workshop o volete attivare un percorso di formazione presso la vostra struttura potete contattarci telefonicamente, tramite e-mail o utilizzando l’apposito form in fondo alla pagina.

 

Per maggiori informazioni

Associazione GET

Responsabilità, trasparenza e correttezza nei rapporti con i sostenitori e con il pubblico sono i principi cardine della nostra associazione.